Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

La comunicazione non verbale: le sfide per chi viaggia

Incomprensioni, confusione e conseguenze indesiderate

Image by Shutterstock.com (ID: 2064282869)


L’estate è ormai arrivata e, insieme al caldo, molte persone riescono ad avere un po’ di tempo per qualche viaggio, magari al fuori dall’Italia.

Sebbene ormai l’inglese sia parlato un po’ dappertutto, ci sono situazioni in cui dobbiamo interagire con persone con cui non possiamo fare affidamento sulle parole. In questi casi, la comunicazione non verbale gioca un ruolo cruciale. Potremmo allora forse ipotizzare di fare maggiore affidamento ai segnali non verbali come, ad esempio, espressioni facciali, gesti e contatto visivo.

In particolare, anche se non conosciamo la lingua locale, potremmo usare il cosiddetto “linguaggio del corpo” per chiedere e indicare direzioni oppure mostrare oggetti. In tal senso, potremmo pensare che sorridere e cercare di mostrare un atteggiamento positivo sia una strategia valida sempre e comunque.

Durante un viaggio, però, probabilmente incontreremo persone con norme e costumi culturali diversi dai nostri. È qui che possono facilmente sorgere incomprensioni, confusione o conseguenze indesiderate.


Dall’approvazione all’offesa: le sorprendenti variazioni culturali del gesto “okay”

In molti paesi occidentali, formare un cerchio con il pollice e l’indice per creare il gesto “Okay” significa approvazione o accordo. Tuttavia, in alcuni luoghi (e.g., di Brasile, Francia e Turchia), questo gesto è spesso considerato offensivo e volgare. Un turista ignaro di questa differenza culturale potrebbe involontariamente offendere la gente del posto, generando un’impressione negativa e potenziali malintesi.


Oltre la pace e la vittoria: le variazioni culturali del gesto della “V”

In molte culture occidentali, fare un segno “V” con l’indice e il medio è un simbolo di vittoria, pace o un gesto amichevole quando si posa per una foto. Tuttavia, in paesi come il Regno Unito, l’Australia e l’Irlanda, se il palmo è rivolto verso l’interno, può essere interpretato come un gesto offensivo con connotazioni volgari. Un turista che usa questo gesto senza conoscerne le implicazioni culturali potrebbe turbare o confondere la gente del posto.

Tale gesto è diventato famoso grazie al film “L’ora più buia” (2017) diretto da da Joe Wright che narra lee vicende di Winston Churchill quando era, durante la Seconda guerra mondiale, primo ministro del Regno Unito.


Padroneggiare l’inchino: una guida al rispetto culturale nei paesi asiatici

L’inchino è una forma comune di rispetto in molti paesi asiatici come il Giappone e la Corea del Sud. La profondità, la durata e l’angolo di tale azione possono trasmettere significati diversi. Pertanto, per un turista occidentale che non ha familiarità con queste usanze, determinare l’appropriata etichetta dell’inchino può essere difficile. Se un turista si inchinasse troppo profondamente o troppo casualmente, potrebbe essere visto come irrispettoso o addirittura comico, causando potenzialmente imbarazzo o offesa.


Quando i confini si scontrano: le complessità dello spazio personale in culture diverse

Il concetto di spazio personale varia da persona a persona, a seconda del contesto e delle culture. In alcune società, ad esempio, le persone tendono a preferire uno spazio personale più ampio, mentre in altri paesi si privilegia il contatto fisico. Un turista abituato a uno spazio personale ampio potrebbe involontariamente invadere quello degli altri, causando disagio o offesa.


Quando gli occhi si incontrano: esplorare i diversi significati del contatto visivo nel mondo

Il contatto visivo ha diverse interpretazioni a livello individuale, situazionale e culturali. Alcune culture generalmente considerano il contatto visivo durante una conversazione come un segno di attenzione e rispetto. Tuttavia, in altre culture e in determinati contesti, il contatto visivo prolungato o diretto può essere considerato scortese o conflittuale. In alcune regioni del Sudafrica, ad esempio, è scortese guardare le persone negli occhi mentre parlano. In questi casi, se un/a turista cerca di mantenere un contatto visivo costante con una persona del posto, potrebbe essere interpretat* come segno di aggressività o mancanza di rispetto.


Superare le barriere

Questi esempi evidenziano come i malintesi non verbali possano avere un impatto sule interazioni dei turisti.

In particolare, quando gli interlocutori provengono da luoghi diversi, spesso le differenze culturali si fanno sentire con maggior forza. Le comunità gestiscono le conversazioni in modi diversi. In alcune regioni della Cina, ad esempio, sembra tabù parlare di morte. In alcuni luoghi, le persone preferiscono chiamare gli altri per nome. Inoltre, la personalità, la situazione, la motivazione e l’atteggiamento degli interlocutori può sia facilitare che ostacolare la comunicazione.

Insomma, pensare di padroneggiare il comportamento non verbale non basta. È importante familiarizzare con le usanze e i gesti locali dei paesi che visitiamo per ridurre al minimo le interpretazioni errate culturali e promuovere interazioni positive. In fondo, ci piace viaggiare proprio per conoscere luoghi e persone con storie e abitudini diverse dalle nostre, imparando ad avere una visione più ampia della dell’umanità, del mondo e della vita.


Per approfondire…

Albahri, A. H., Abushibs, A. S., & Abushibs, N. S. (2018). Barriers to effective communication between family physicians and patients in walk-in centre setting in Dubai: a cross-sectional survey. BMC Health Services Research, 18(1), 1-13.
Balconi, M. (2010). Il Comportamento Visivo. Elementi di Psicologia e Neuropsicologia dei Movimenti Oculari. Springer
Morris, D. (2002). Peoplewatching. Vintage


Maurizio Oggiano Autore presso La Mente Pensante Magazine
Maurizio Oggiano
Trainer | Researcher | Project Manager
Bio | Articoli
……………………………………………………………..
Website Email LinkedIn

Print Friendly, PDF & Email

© Tutti i contenuti (testo, immagini, audio e video) pubblicati sul sito LaMentePensante.com, sono di proprietà esclusiva degli autori e/o delle aziende in possesso dei diritti legali, intellettuali, di immagine e di copyright.

LaMentePensante.com utilizza solo ed esclusivamente royalty free images per uso non commerciale scaricabili dalle seguenti piattaforme: Unsplash.com, Pexels.com, Pixabay.com, Shutterstock.com. Gli Autori delle immagini utilizzate, seppur non richiesto, ove possibile, vengono generalmente citati.

LaMentePensante.com, progetto editoriale sponsorizzato dalla TheThinkinMind Coaching Ltd, in accordo i proprietari del suddetto materiale, è stata autorizzata, all’utilizzo, alla pubblicazione e alla condivisione dello stesso, per scopi prettamente culturali, didattici e divulgativi. La copia, la riproduzione e la ridistribuzione del suddetto materiale, in qualsiasi forma, anche parziale, è severamente vietata. amazon affiliazione logo

LaMentePensante.com, è un membro del Programma di affiliazione Amazon UE, un programma pubblicitario di affiliazione pensato per fornire ai siti un metodo per ottenere commissioni pubblicitarie mediante la creazione di link a prodotti venduti su Amazon.it. I prodotti editoriali (generalmente libri) acquistati tramite i link pubblicati sulle pagine relative agli articoli, alle recensioni e alle video interviste, daranno la possibilità a LaMentePensante.com di ricevere una piccola commissione percentuale sugli acquisti idonei effettuati su Amazon.it. Per qualunque informazione e/o chiarimento in merito al programma affiliazione Amazon si prega di consultare il sito ufficiale Programma di affiliazione Amazon UE, mentre per l’utilizzo del programma da parte de LaMentePensante.com, si prega di contattare solo ed esclusivamente la Redazione, scrivendo a: redazione@lamentepensante.com.

© 2020 – 2024 La Mente Pensante Magazine – www.lamentepensante.com is powered by TheThinkingMind Coaching Ltd, United Kingdom — All Rights Reserved.

Termini e Condizioni Privacy Policy

"Il prezzo di qualunque cosa equivale alla quantità di tempo che hai impiegato per ottenerla."

© 2020 – 2024 La Mente Pensante Magazine – www.lamentepensante.com is powered by TheThinkingMind Coaching Ltd, United Kingdom — All Rights Reserved.