Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Equilibrio tra sviluppo e tradizione

Le conseguenze sociali della corsa all’innovazione

Image by possessed-photography on Unsplash.com


Si assiste oramai da decadi a un’accelerazione impressionante dello sviluppo tecnologico e scientifico nel mondo, come mai avvenuto durante i milioni di anni di evoluzione del nostro pianeta.

Dall’industrializzazione occidentale del post Seconda guerra mondiale fino ad arrivare alle ultime innovazioni sull’intelligenza artificiale, passando per lo sviluppo sempre più esteso e performante della grande rete mondiale internet, si sono fatti passi da gigante in tutti i settori che coinvolgono direttamente la vita umana.

Tutto questo deve essere considerato un bene e di certo non va demonizzato l’avanzamento tecnologico. Ma esiste sempre il rovescio della medaglia che in questo caso, a mio parere è simboleggiato dal fatto di aver tralasciato in tutto questo sviluppo materiale alcuni fattori molto importanti relativi all’essere umano.

Ad esempio, nel settore digitale non si è mai considerato un equilibrio tra l’evoluzione delle macchine e il fatto che la struttura fisica del nostro cervello è inalterata da migliaia di anni.

È vero che le nuove generazioni hanno uno sviluppo cognitivo molto più rapido sulle nuove tecnologie, ma va detto anche che questo va a discapito della perdita di vecchi principi e concetti. I ragazzi di oggi imparano all’istante le funzionalità di un touch screen e sono rapidissimi a passare da una schermata all’altra dello smartphone, ma non hanno coscienza di dove si trovino, di come è strutturato il pianeta Terra, della composizione dell’acqua, del fatto che l’uomo è composto (mediamente) dal 70% di acqua, solo per citare qualche esempio.

Ci stiamo dimenticando di una cosa molto importante, chi siamo e da dove veniamo. 

Una persona potrebbe dire, questo fa parte del cambiamento evolutivo, e in effetti la maggior parte di noi non sa riconoscere i termini latini o greci e non si ricorda una poesia a memoria. E questo è sicuramente vero. A mio avviso ci siamo spostati da un’epoca di ” bellezza e contemplazione” , terminata nell’ultimo secolo, al periodo attuale che definirei di estrema ” rapidità e voracità” .


Le innovazioni “pericolose”

In migliaia di anni di sviluppo l’uomo ha lasciato tracce del suo percorso e molte di queste rimangono ancor’oggi. Opere maestose di ingegneria, affreschi e statue di impareggiabile bellezza, scritti di poesia e filosofia che hanno fatto da base al progresso della civiltà. Ogni tanto mi sorge questa domanda: in questi ultimi 70/80 anni quali opere di questo tipo sono state create?

Non ho memoria di nulla di particolarmente importante e tangibile, mi riferisco ad un qualcosa che possa simboleggiare la grandezza dell’uomo. Tutto è digitale, volante ed effimero, e di tutto questo non lasceremo nulla in memoria di ciò che siamo ai posteri. Questa visione forse potrà sembrare pessimistica, ma il ragionamento razionale mi porta a queste conclusioni.

Un’altra mancanza che riscontro al giorno d’oggi è la morale e il ragionamento legato all’etica: si fanno sviluppi ed evoluzioni di continuo, senza pensare alle ripercussioni che questi possono avere sulla società. Tuttalpiù si evidenziano solo i fattori positivi, che qualcuno mette in risalto per meri interessi. Ultimo esempio in linea temporale è l’argomento Intelligenza Artificiale (IA), che ancor prima dell’uscita formale del Garante della Privacy e di alcuni scienziati e personaggi famosi mi ha fatto riflettere. Motivo? Tutto troppo rapido.

Nel giro di qualche mese si voleva inserire questo modulo software in tutti i sistemi informatici più utilizzati, come mai tutta questa fretta? Bisogna ben riflettere sulle ripercussioni che questo nuovo strumento può avere sulla società.

Il potere della AI di creare o alterare delle immagini (o dei video) con una qualità quasi perfetta non può creare delle problematiche, considerato dato che tutti potenzialmente hanno accesso a queste funzionalità?

Il fatto che questa AI impari da noi non può rivoltarsi contro? E non parlo esclusivamente di situazioni da finale di film come Terminator, ma ad esempio mi riferisco ad una sostituzione del lavoro umano con quello delle macchine. Alcuni esempi a cui si sta già pensando sono nel campo del giornalismo e nello sviluppo informatico: questo software riesce ad elaborare dati e fornire risultati in pochissimo tempo, spesso anche migliori di quelli sviluppati dall’operatore.

Che senso ha per l’azienda mantenere un costo umano fisso?

Un altro esempio è dato dalla continua evoluzione delle chat, che dovrebbero essere idealmente dei “luoghi” di condivisione tra giovani, i quali però si sentono sempre più isolati e soli; hanno delle amicizie effimere e non reali e basano la loro esistenza e felicità sui ” like” che ricevono in una foto o in un video.

E per avere sempre più conferme creano ogni sorta di azione stravagante e spesso pericolosa, senza pensare alle conseguenze che questa può avere sulle loro o altrui vite.


Fermiamoci a riflettere

Non si riflette, e questo è un grosso problema. Una società che non riflette è facilmente soggiogabile e manipolabile, mi auguro vivamente che questo non sia il destino della nostra civiltà occidentale, e che vi sia presto una presa di coscienza sulle nostre vite.

Le discipline marziali mi hanno insegnato che è importante mantenere salde le tradizioni. Rammentiamo che senza di queste, e dimenticandoci chi è venuto prima di noi, non vivremo in una società tutto sommato pacifica e in cui vige un discreto benessere sul piano fisico. Quello che manca al giorno d’oggi è lo stare bene mentalmente; non si ha una tranquillità e si vive in uno stato di continua sofferenza dovuta al fatto di non sentirsi mai realizzati del tutto.

È qui che si deve ” lavorare”. Ritrovare la serenità mentale, un equilibrio tra nuovo e vecchio cercando di vivere nel presente (come insegna il buddhismo), imparando dalle azioni passate e avendo attenzione di mantenere un’etica corretta, con l’obiettivo di un futuro radioso.


Luca Bertoncello Autore presso La Mente Pensante Magazine
Luca Bertoncello
Insegnante di Ving Tsun Kung Fu, Qi Gong e Filipino Martial Arts | Coordinatore Nazionale Ving Tsun Academy Int’l
……………………………………………………………..
Website Email LinkedIn Instagram Facebook

Print Friendly, PDF & Email

© Tutti i contenuti (testo, immagini, audio e video) pubblicati sul sito LaMentePensante.com, sono di proprietà esclusiva degli autori e/o delle aziende in possesso dei diritti legali, intellettuali, di immagine e di copyright.

LaMentePensante.com utilizza solo ed esclusivamente royalty free images per uso non commerciale scaricabili dalle seguenti piattaforme: Unsplash.com, Pexels.com, Pixabay.com, Shutterstock.com. Gli Autori delle immagini utilizzate, seppur non richiesto, ove possibile, vengono generalmente citati.

LaMentePensante.com, progetto editoriale sponsorizzato dalla TheThinkinMind Coaching Ltd, in accordo i proprietari del suddetto materiale, è stata autorizzata, all’utilizzo, alla pubblicazione e alla condivisione dello stesso, per scopi prettamente culturali, didattici e divulgativi. La copia, la riproduzione e la ridistribuzione del suddetto materiale, in qualsiasi forma, anche parziale, è severamente vietata. amazon affiliazione logo

LaMentePensante.com, è un membro del Programma di affiliazione Amazon UE, un programma pubblicitario di affiliazione pensato per fornire ai siti un metodo per ottenere commissioni pubblicitarie mediante la creazione di link a prodotti venduti su Amazon.it. I prodotti editoriali (generalmente libri) acquistati tramite i link pubblicati sulle pagine relative agli articoli, alle recensioni e alle video interviste, daranno la possibilità a LaMentePensante.com di ricevere una piccola commissione percentuale sugli acquisti idonei effettuati su Amazon.it. Per qualunque informazione e/o chiarimento in merito al programma affiliazione Amazon si prega di consultare il sito ufficiale Programma di affiliazione Amazon UE, mentre per l’utilizzo del programma da parte de LaMentePensante.com, si prega di contattare solo ed esclusivamente la Redazione, scrivendo a: redazione@lamentepensante.com.

© 2020 – 2024 La Mente Pensante Magazine – www.lamentepensante.com is powered by TheThinkingMind Coaching Ltd, United Kingdom — All Rights Reserved.

Termini e Condizioni Privacy Policy

"Il prezzo di qualunque cosa equivale alla quantità di tempo che hai impiegato per ottenerla."

© 2020 – 2024 La Mente Pensante Magazine – www.lamentepensante.com is powered by TheThinkingMind Coaching Ltd, United Kingdom — All Rights Reserved.