Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Decostruire per costruire

La filosofia dei LEGO applicata agli obiettivi

Image by Glen Carrie on Unsplash.com


Chi ha giocato ai mattoncini LEGO almeno una volta può capire.

Costruire e decostruire può essere motivante e divertente.

Perché non farlo nel lavoro, quando l’obiettivo sembra così lontano che… davvero non abbiamo il coraggio di iniziare?

Ho provato questa tecnica molte volte su me stessa, da quando ho deciso di iscrivermi ad ingegneria dopo aver conseguito la maturità classica, a quando ho iniziato ad imparare la lingua cinese.

Per me, ogni volta ha dato i suoi frutti!

Lo scorso weekend mio figlio, terza elementare, aveva come compito per casa colorare un disegno che riempiva una pagina intera, per lui “mission impossible”, il dividerglielo in quadranti per colorarne uno alla volta lo ha convinto a iniziare e terminare.

Ma perché questa tecnica è così efficace? Cosa ci sta dietro?

Io credo ci siano almeno 3 fattori per i quali la suddivisione di macro-obiettivi in step può fare la differenza:

  • Ci fa sentire meno sopraffatti
  • Consente maggior focus
  • Offre lo slancio delle piccole vittorie

Meno sensazione di sopraffazione, più azione

Davanti ad un grande obiettivo ci sentiamo spesso come difronte ad una altissima montagna da scalare. Ma quando lo scomponiamo, accade qualcosa di magico, che ci fa sentire più leggeri. Cosa accade quando scomponi un grande obiettivo in compiti più piccoli?

  • improvvisamente non sembra più così intimidatorio, ciò rende più facile fare quel primo passo cruciale. Prima che ce ne accorgiamo, abbiamo guadagnato slancio e siamo ben avviati a raggiungere quell’obiettivo.
  • si supera la procrastinazione: è più facile convincere sé stessi a fare qualcosa di piccolo e gestibile, piuttosto che affrontare un progetto massiccio e spaventoso. Poi, compiendo con costanza le attività che compongono i sotto-obiettivi, creiamo l’abitudine da cui scaturisce il proseguire della costanza. È molto più facile rimanere costanti quando i passaggi sono gestibili.

Focus maggiore, pianificazione più facile

Difronte al macro-obiettivo, la pianificazione diventa complessa e talvolta mi accade di sentirmi persa. È la sensazione dell’inizio di un grande progetto che sembra nebuloso, non si sa bene come arrivare alla vetta. Ecco che, scomporre l’obiettivo in piccoli passi, ci aiuta a concentrarci su compiti specifici e realizzabili. Invece di perdermi nella “nebbia” di un macro-obiettivo, ho una chiara strada da percorrere, fatta di piccoli passi nella stessa direzione. A quel punto mi sento pronta a cimentarmi nella pianificazione di dettaglio: per me è molto più facile pianificare quando ho compiti più piccoli e definiti davanti a me. Posso prioritizzare, fissare scadenze e creare una roadmap per il raggiungimento di quel grande obiettivo che inizialmente sembrava avvolto nella nebbia.


Celebrare il progresso per mantenere la motivazione

Un ulteriore super-potere della suddivisione degli obiettivi è il fatto di essere in grado di dare il via ad un meccanismo che produce vero e proprio carburante per la motivazione. Completare compiti più piccoli offre un flusso costante di mini-vittorie. Ognuna di esse aumenta la tua fiducia e ti motiva a continuare. Personalmente, man mano che spunto quei compiti più piccoli, inizio a rafforzare la fiducia di potercela fare. Quel senso di progresso è incredibilmente potente per spingermi avanti. Una tecnica che applico per mantenere la costanza nelle attività è quella di mettere una X sul calendario ogni giorno che faccio un passo avanti nel percorso, il vedere il flusso costante delle X mi motiva a non voler spezzare la catena e fare qualcosa ogni giorno che mi avvicina al macro-obiettivo! Così supero la naturale tendenza a procrastinare su quei compiti che sono importanti, ma non urgenti.


Sei concentrato sul muro o sul mattone?

Per concludere, voglio terminare con un tratto del capitolo iniziale del libro di Will Smith in cui parla di quanto ogni piccolo passo possa essere cruciale per raggiungere grandi obiettivi.

Ecco cosa ci racconta Will

Alcune delle lezioni più incisive della mia vita le ho imparate mio malgrado. Ho opposto loro resistenza, le ho persino negate ma, alla fine, il peso della loro verità è diventato ineluttabile. Una di queste lezioni è stato il muro di mattoni di mio padre. Mentre i giorni si trascinavano, per quanto detestassi ammetterlo cominciai a capire di cosa parlasse. Quando mi concentravo sul muro il lavoro sembrava impossibile. Senza fine. Se invece mi focalizzavo su un mattone, ecco che tutto diventava semplice: perché sapevo di poterlo posare bene quel dannato mattone. Iniziai a pensare che la differenza tra un compito che sembra impossibile e un altro apparentemente fattibile non è che una questione di prospettiva.

E tu? Sei concentrato sul muro o sul mattone?


Bibliografia

Will” – Will SMith


Simona Bargiacchi Autrice presso La Mente Pensante Magazine
Simona Bargiacchi
Internal Communication & University Relations Manager
Bio | Articoli | Video Intervista AIPP Marzo 2024
……………………………………………………………..
EmailLinkedIn

Print Friendly, PDF & Email

© Tutti i contenuti (testo, immagini, audio e video) pubblicati sul sito LaMentePensante.com, sono di proprietà esclusiva degli autori e/o delle aziende in possesso dei diritti legali, intellettuali, di immagine e di copyright.

LaMentePensante.com utilizza solo ed esclusivamente royalty free images per uso non commerciale scaricabili dalle seguenti piattaforme: Unsplash.com, Pexels.com, Pixabay.com, Shutterstock.com. Gli Autori delle immagini utilizzate, seppur non richiesto, ove possibile, vengono generalmente citati.

LaMentePensante.com, progetto editoriale sponsorizzato dalla TheThinkinMind Coaching Ltd, in accordo i proprietari del suddetto materiale, è stata autorizzata, all’utilizzo, alla pubblicazione e alla condivisione dello stesso, per scopi prettamente culturali, didattici e divulgativi. La copia, la riproduzione e la ridistribuzione del suddetto materiale, in qualsiasi forma, anche parziale, è severamente vietata. amazon affiliazione logo

LaMentePensante.com, è un membro del Programma di affiliazione Amazon UE, un programma pubblicitario di affiliazione pensato per fornire ai siti un metodo per ottenere commissioni pubblicitarie mediante la creazione di link a prodotti venduti su Amazon.it. I prodotti editoriali (generalmente libri) acquistati tramite i link pubblicati sulle pagine relative agli articoli, alle recensioni e alle video interviste, daranno la possibilità a LaMentePensante.com di ricevere una piccola commissione percentuale sugli acquisti idonei effettuati su Amazon.it. Per qualunque informazione e/o chiarimento in merito al programma affiliazione Amazon si prega di consultare il sito ufficiale Programma di affiliazione Amazon UE, mentre per l’utilizzo del programma da parte de LaMentePensante.com, si prega di contattare solo ed esclusivamente la Redazione, scrivendo a: redazione@lamentepensante.com.

© 2020 – 2024 La Mente Pensante Magazine – www.lamentepensante.com is powered by TheThinkingMind Coaching Ltd, United Kingdom — All Rights Reserved.

Termini e Condizioni Privacy Policy

"Il prezzo di qualunque cosa equivale alla quantità di tempo che hai impiegato per ottenerla."

© 2020 – 2024 La Mente Pensante Magazine – www.lamentepensante.com is powered by TheThinkingMind Coaching Ltd, United Kingdom — All Rights Reserved.